Ginecomastia maschile Milano

Capezzolo introflesso
Capezzolo introflesso Milano
24/07/2017
Aumento pettorali
Aumento pettorali Milano
24/07/2017
Ginecomastia maschile

Purtroppo non è raro vedere, specie d’estate, giovani ragazzi con il petto che ha un aspetto più femminile che maschile. Il servizio ginecomastia maschile Milano viene proposto per eliminare questo inestetismo!

Ginecomastia maschile Milano che cos’è?

La Ginecomastia maschile tecnicamente è la mammella maschile che aumentata di volume, questa condizione, in genere presente nei neonati, tende a scomparire dopo pochi mesi. Tuttavia, come vedremo, questo inestetismo in alcuni uomini si presenta in età adulta; compromettendo l’autostima e creando imbarazzo. La ginecomastia è uno sviluppo esagerato della ghiandola mammaria negli uomini, che può interessare solo un seno (ginecomastia monolaterale) o entrambi (ginecomastia bilaterale). Molto spesso è associato a un eccesso di grasso nel seno. Un seno maschile più simile a uno femminile non è ed è un inestetismo che passa inosservato, fortunatamente c’è rimedio. 

Ginecomastia maschile cause

Ci sono diverse cause che spiegano la ginecomastia. Può seguire episodi di obesità infantile, alcuni farmaci o essere collegato al cancro, come il cancro ai testicoli. Succede anche che la ginecomastia maschile sia idiopatica, cioè senza una vera causa. Le cause della ginecomastia sono diverse ma per semplicità potremmo annoverare 3 principali, ciascuna all’origine di un disturbo ormonale:

  • Ginecomastia fisiologica puberale persistente (negli adolescenti).
  • Ginecomastia legata ad una patologia e ginecomastia iatrogena causata dall’assunzione di farmaci (e/o farmaci). 
  • La ginecomastia idiopatica, così chiamata quando non viene trovata alcuna causa medica, rimane di gran lunga la più comune. 

Va fatta una distinzione tra adipomastia e ginecomastia: per la prima si tratta di un eccesso di grasso nel seno, spesso accompagnato da sovrappeso. L’adipomastia (o pseudo ginecomastia) è spesso associata alla ginecomastia ma non è definita dall’ipertrofia mammaria, cioè dall’eccesso ghiandolare. Il suo trattamento chirurgico è la liposuzione, mentre il trattamento chirurgico per la vera ginecomastia è la rimozione (totale) della ghiandola mammaria.

Per maggiori informazioni chiama il 3662197861

Adiposa e ghiandolare: quali sono e differenze?

Ginecomastia maschile Milano

Come spiegato in precedenza, esistono diversi tipi di ginecomastia:

  • Ghiandolare.
  • Grassa o adipomastia.
  • Mista.

Nei pazienti di sesso maschile, una ginecomastia può essere composta o da un eccesso di ghiandola mammaria (ginecomastia ghiandolare), o di grasso (ginecomastia grassa), o dalla combinazione dei due (ginecomastia mista).

Definizione di Ginecomastia Ghiandolare

La ginecomastia ghiandolare deriva dalla produzione anormale di ormoni, che a sua volta può essere il risultato di vari problemi. Prende la forma di una o due ghiandole mammarie ipertrofiche responsabili di un seno visibile (areole appuntite). L’aspetto può essere fortemente complesso negli uomini, soprattutto durante il periodo estivo.

Definizione di Ginecomastia grassa

Da parte sua, la ginecomastia grassa riguarda generalmente gli uomini in sovrappeso o obesi. Può anche essere presente in pazienti che hanno perso molto peso (grasso residuo). Questo grasso in eccesso, spesso più diffuso nel petto, è altrettanto esteticamente imbarazzante.

Vuoi esporre il tuo problema ad uno specialista? Chiama ora il 3662197861 e parla con uno dei nostri medici del servizio ginecomastia maschile Milano!

I sintomi della ginecomastia

I sintomi della ginecomastia

La ginecomastia è un aumento delle dimensioni della ghiandola mammaria. Si avverte palpando, sotto il capezzolo, una ghiandola gonfia. Questo può essere scoperto all’esame di un medico o dell’uomo stesso che poi si consulta perché imbarazzato. Poiché la ginecomastia è collegata agli ormoni che circolano nel sangue, entrambe le ghiandole mammarie sono spesso colpite. Tuttavia, a volte solo una delle due ghiandole può gonfiarsi, perché i tessuti delle due ghiandole mammarie possono avere una sensibilità diversa agli ormoni. È anche importante osservare se c’è qualche secrezione dai capezzoli pizzicando intorno all’areola.

Il gonfiore dei capezzoli negli uomini può anche essere lipomastia, un aumento del volume di grasso senza un aumento del volume della ghiandola mammaria. La consistenza è quindi più morbida, non è centrata sul capezzolo ed è spesso associata ad un eccesso di peso. 

Persone a rischio di ginecomastia

  • Neonati (ginecomastia normale)
  • Adolescenti (ginecomastia normale)
  • Gli uomini di età superiore ai 50 anni (di solito ginecomastia normale non correlata alla malattia) sono colpiti in circa il 50% dei casi.
  • Gli uomini in sovrappeso hanno un rischio maggiore di ginecomastia. Questo perché il tessuto adiposo ha un effetto ormonale. Agisce convertendo gli androgeni (anti-ginecomastia) in estrogeni (pro-ginecomastia).
  • Uomini che assumono determinati farmaci che possono influenzare gli ormoni.
  • Uomini con malattie in cui sono coinvolti gli ormoni.

Telefona il 3662197861

Quando andare da un dottore?

Quando andare da un dottore?

Quando si tratta di un neonato o di un adolescente, non è necessario consultare un medico. Nel caso di un adolescente, se la ginecomastia dura più di un anno o due, se sembra molto importante, può essere rassicurante chiedere il parere di un medico però. Il medico da consultare è il medico di base o uno specialista in ormoni, l’endocrinologo. In un uomo giovane (non adolescente) con gonfiore delle ghiandole mammarie su uno o entrambi i lati, è necessario consultare un medico. Se stai assumendo farmaci, dovresti leggere i fogli illustrativi e gli effetti collaterali per vedere se questo trattamento può portare alla ginecomastia. In questo caso, è il più spesso possibile che il medico cambi il trattamento.

Esami da fare per la diagnosi 

  • Esame da parte del medico: quando c’è gonfiore sotto i capezzoli, il medico inizia esaminando l’uomo. Sente questo gonfiore, pizzica i capezzoli per vedere se c’è una secrezione.
  • Esamina anche i testicoli, la ghiandola tiroidea, palpa il fegato poiché questi organi sono coinvolti nel funzionamento ormonale e un’anomalia può essere coinvolta nella ginecomastia.
  • Esami complementari: questi esami non sono sempre utili perché un gran numero di ginecomastie non testimoniano alcuna malattia …

Quando questi esami sono necessari, possono consistere in un’ecografia del seno (esame ecografico completamente indolore). A volte può essere ordinata una mammografia (radiografia) e un ecografia dei testicoli e della ghiandola tiroidea.

  • Esame del sangue: è utile per determinare cosa sta succedendo agli ormoni di un uomo con ginecomastia. Si tratta quindi di una valutazione ormonale approfondita (con in particolare un dosaggio di FSH, LH, prolattina, estradiolo, testosterone totale e biodisponibile, beta-hCG e SHBG).

Vuoi esporre il tuo problema ad uno specialista? Chiama ora il 3662197861 e parla con uno dei nostri medici del servizio ginecomastia maschile Milano!

Ginecomastia maschile cure?

Ginecomastia maschile cure?

Quando, dopo un’accurata visita e un’attenta analisi del paziente, per eliminare il problema si ricorre alla chirurgia. Quando ci si trova di fronte a un caso di ginecomastia, che non è dovuto ad un eccesso di grasso, l’unica soluzione è quella di rimuovere la ghiandola mammaria e il tessuto adiposo in eccesso. Per questo viene praticata un’incisione nella parte inferiore dell’areola, che permette di estrarre quella ghiandola mammaria; che è cresciuta troppo.

Se invece stiamo parlando di una pseudoginecomastia o adipomastia, che implica una crescita eccessiva solo del tessuto adiposo, la soluzione più comune è solitamente quella di applicare una liposuzione con tecnica lipolaser nella zona. A condizione che il grasso in eccesso non sia eccessivamente voluminoso e la qualità della pelle del paziente sia buona. La liposuzione laser assistita aiuta a garantire una maggiore retrazione della pelle, migliorando il recupero dei tessuti.

Mix di tecniche per un risultato migliore

In alcuni casi, possono o devono essere combinate entrambe le tecniche. Quando devono essere utilizzate insieme, prima si rimuove la ghiandola mammaria e, successivamente, si realizza la liposcultura. Questa abbinata risulta essere la combinazione vincente per rimuovere il grasso in eccesso e garantire buoni risultati nell’aspetto del seno maschile.

In caso di pelle lassa 

Nel caso in cui ci troviamo con una pelle molto flaccida, si dovrà associare una mastopessi; cioè una riduzione di tutto quel tessuto in eccesso. Il percorso di avvicinamento è solitamente periareolare (attorno all’areola), che permetterà ai tessuti di adattarsi più facilmente al nuovo volume.

Contattaci al 3662197861

Dettagli della chirurgia Anestesia e degenza ospedaliera

Dettagli della chirurgia Anestesia e degenza ospedaliera

La chirurgia per trattare una ginecomastia di grandi dimensioni, dovuta a entrambi i fattori, viene solitamente eseguita in anestesia generale. Ma nel caso di riduzioni molto piccole o se si tratta solo di grasso in eccesso, può essere fatto in anestesia locale o sedazione. Tutto dipende, ovviamente, dalla gravità del caso. L’intervento dura circa 1 o 2 ore e il recupero postoperatorio è rapido. Un indumento o una cintura per la pressoterapia deve essere utilizzato per un periodo compreso tra una settimana e un mese, a seconda dei casi.

Cicatrici

Le cicatrici dopo l’intervento sono molto piccole, praticamente impercettibili, e si trovano sul bordo inferiore dell’areola. Ciò che li rende facilmente nascosti. Questo vale anche nei casi in cui è stato necessario seguire l’approccio periareolare; quando c’è molto eccesso di pelle.

Con il tempo e le cure adeguate, come indicato dal medico, la cicatrice si sbianca assumendo meno risalto, poiché si abbina al tono della pelle del resto del torace. La bravura del chirurgo si vede anche da quanto e come si noteranno le cicatrici. Come per altri interventi chirurgici, si consiglia vivamente di evitare l’esposizione al sole nel primo anno dopo l’intervento. Dopo sei mesi potresti farlo ma con una crema ad alta protezione 50+. Proteggere la cicatrice può prevenire la pigmentazione.

Postoperatorio

Si raccomanda vivamente, dopo l’intervento chirurgico, che il paziente indossi una fascia per pressoterapia o una cintura stretta tipo maglietta che comprima l’area. Ciò renderà più facile l’adattamento della pelle e aiuterà anche a ridurre il gonfiore e l’edema. Il medico indicherà per quanto tempo tenerlo, a seconda del caso specifico, ma varia da 15 giorni a un mese. È del tutto normale provare un po’ di disagio nei 2 o 3 giorni successivi all’intervento. Come praticamente con qualsiasi intervento chirurgico, l’infiammazione diminuirà gradualmente nelle prime settimane. Dopo il primo mese puoi vedere i primi risultati, e intorno ai 3 mesi potrai vedere i risultati praticamente definitivi con un petto più maschile e definito

L’attività lavorativa viene normalmente ripresa una settimana dopo l’intervento, purché non comporti un forte sforzo fisico. Nei casi lievi, dopo 3 o 4 giorni puoi andare a lavorare se si tratta di ufficio o sedentario. L’attività sportiva può essere ripresa poco a poco, ma non è consigliabile eseguire esercizi ad alto impatto o esercizi che comportano il sollevamento pesi durante il primo mese. I risultati sono definitivi e soddisfacenti, purché non vi siano patologie associate che richiedano un altro tipo di trattamento farmacologico.

Conclusioni

Conclusioni

Grazie a servizi come ginecomastia maschile Milano è possibile correggere e migliorare le modificazioni estetiche che si possono presentare. Queste “modifiche” si possono rendere necessarie, come abbiamo detto, per differenti motivi ma lo scopo dell’intervento rimane quello di correggere il “difetto” ottenendo un risultato naturale. Il nostro portale promuove e propone la prima visita gratuita; dando a tutti gli uomini che riscontrano problemi con il loro seno, la possibilità di avere un parere da un esperto in chirurgia plastica.

Chiamaci ora! 3662197861

Seguici anche su Facebook

Chiama Ora
Whatsapp
Email